Il Kauri di Riva 1920

Il Kauri Agathis Australis è un tipo di conifera che vive solo nei climi sub-tropicali della Nuova Zelanda, i primi esemplari comparvero nel periodo Giurassico, circa 135 milioni di anni fa. Sono gli alberi più grandi del mondo per cubatura del tronco: superano infatti i 70 metri di altezza e hanno un diametro che può raggiungere i nove metri. Oggi questi alberi sono tutelati dal governo Neo-Zelandese ed il taglio è severamente vietato.

Circa 50.000 anni fa, alla fine dell’ultima era glaciale, una serie di cataclismi ancora oggi inspiegabili ha abbattuto intere foreste di Kauri, sommergendole di acqua e di fango. Le particolari caratteristiche di tale fango e la mancanza assoluta di ossigeno hanno permesso a queste piante, rimaste intrappolate nelle paludi per 30/40/50 mila anni, di sfidare i processi chimici di decomposizione e di pietrificazione per arrivare intatte fino ai nostri giorni. Trattasi di vere e proprie “miniere di legno”. Nonostante la permanenza millenaria sotto il fango, questi tronchi risultano perfettamente conservati e presentano le stesse caratteristiche di un legno appena tagliato. Insieme ai tronchi sono stati ritrovati blocchi di radica con abbondante resina al loro interno, la cui presenza determina gli effetti dorati tipici del kauri, dovuti appunto alla trasformazione di questa resina in ambra.

Il Kauri più grande ancora vivente si chiama TANE MAHUTA, ovvero SIGNORE DELLA FORESTA in lingua Maori.