Dentro Casa Agosto

img-agosto-sito-blog.jpg

FEDERMOBILI, SI DELINEA IL CONTRATTO NAZIONALE

Una regolamentazione necessaria per garantire chiarezza d’intenti a tutela dei singoli membri del settore. 

Nelle prime giornate di luglio di questa calda (sotto tutti gli aspetti) estate 2017, abbiamo iniziato a stilare le linee del contratto nazionale con la Camera di Commercio di Milano. Presenti agli incontri il presidente di Federmobili, Mauro Mamoli, insieme al vicepresidente Maurizio Ricupati e il direttore Laura Molla, con il rappresentante del sindacato di Varese e responsabile del Nord-Ovest Stefano Calzavara e la sottoscritta Pia Nicolodi, in veste di rappresentante della piccola distribuzione e responsabile del Nord-Est. In più, l’avv. Giulio Rufo Clerici, legale incaricato Camera di Commercio, il dott. Davide Zanon, rappresentante dell’associazione dei consumatori CODICI e la dott.sa Antonietta Agostinelli, rappresentante dell’associazione ALTROCONSUMO. Infine, per il Servizio Armonizzazione del Mercato CCIAA di Milano, la dott.sa Valeria Sala (responsabile), il dott. Guido Gabaldi (assistente) e Laura Benzon (segreteria). Il contratto nazionale raccoglie l’insieme di quelle semplici regole che hanno come principale obiettivo la tutela tanto dei commercianti, tanto delle aziende produttrici e, di conseguenza, anche del cliente finale.

La regolamentazione del nostro settore è determinante ai fini di creare una condizione di sostanziale chiarezza che va a incidere favorevolmente sugli interessi di tutte le parti in causa. Per chi, come la stragrande maggioranza di tutti noi, ha sempre operato nella propria attività in maniera corretta e consapevole, questa novità getterà le basi per dare vita a rapporti di lavoro all’insegna di una grande professionalità e trasparenza di intenti. Il mio augurio, nonché quello degli altri rappresentanti dell’intero settore, è che gli associati prendano coscienza del fatto che lavorare sulla base di regolamentazioni ben precise e delineate, può tutelare tutti gli attori dall’insorgere di situazioni poco chiare, o addirittura ambigue, che possono generare, oltre che condizioni spiacevoli, anche non pochi imbarazzi di difficile gestione.

Per avere i primi responsi bisognerà aspettare del tempo, ma l’importante sarà agire con determinazione e coesione fra le parti, elementi fondamentali per una buona riuscita del progetto. Nel prossimo autunno mi auguro di darvi le prime conferme in merito alla buona riuscita di questo grande obiettivo e quindi la certezza di aver raggiunto i primi significativi traguardi. Ribadisco infine l’importanza dell’associazionismo, del confronto e della perseveranza per raggiungere finalità comuni, perché la disgregazione porta solamente ad una vuota anarchia.

di Pia Nicolodi

Consigliere Nazionale di Federmobili