Dentro Casa Giugno

federmobili

FEDERMOBILI:

LE SOLUZIONI NEL CAMBIAMENTO

Per contrastare le difficoltà in atto serve massima coesione fra tutti i soggetti e un investimento nella ricerca e nell’innovazione. Una sfida aperta ai nuovi input del mercato mantenendo sempre un occhio di riguardo per il made in Italy.

Un settore in involuzione?

Se non troviamo presto soluzioni adeguate, il nostro settore andrà via via sfociando in un individualismo cronico ed irreversibile. In questo modo le situazioni mai risolte si cementificherebbero ulteriormente, danneggiando in primis noi stessi come rivenditori, ma anche le aziende e il cliente finale, quest’ultimo sempre più disorientato nel riconoscere l’importanza ed il valore di tutta la filiera lavorativa che c’è alle sue spalle. Un lavoro prezioso e impegnativo fatto di pensieri, proposte e progetti pensati ad hoc.

Le possibili soluzioni

Per cercare di porre rimedio a questa controversa situazione, fare team è di gran lunga il passo più importante. In secondo luogo è sicuramente utile mantenere una comunicazione costante tra commerciali ed industriali del nostro settore. Serve inoltre un approccio innovativo sul mercato da parte di tutti noi. Questo vuol dire: adeguare la produzione e la vendita ai nuovi bisogni, puntare su ricerca e innovazione e affrontare insieme e con determinazione il cambiamento imposto dai mutamenti dello scenario globale. In altre parole è necessario dimostrarsi decisi verso un’idea di internazionalizzazione, ma mantenere sempre un occhio di riguardo (e di protezione) per la nostra unicità dell’artigianato e del made in Italy.

Commerciali e industriali del nostro settore devono prepararsi ad affrontare un nuovo modo di consumare da parte del cliente finale, proponendo quindi prodotti adeguati e offerte corrette. Questo significa anche trovare nuove modalità di vendita con un diverso ricollocamento del negozio tradizionale: sfruttare, ad esempio, la vendita on line come strumento positivo solo se gestito seriamente da parte di tutti e credere in una filiera investendo il proprio operato per un buon lavoro nel rispetto di ogni parte in causa.

di Pia Nicolodi

Consigliere Nazionale di Federmobili